info@augeoprogetti.it
Skill: Progetto di Ricerca Universitaria

Progetto MaReMaP-AIR: Piano di gestione delle risorse marine per la regione adriatico-ionica – Marine Resources Management Plan for the Adriatic and Ionian Region

Istituto di Diritto Internazionale dell’Università degli Studi di Macerata

Augeo srl: partner privato di progetto

Leggi il Progetto MaReMaP-AIR

Il Consiglio europeo ha approvato nella riunione del 23-24 ottobre 2014 la Strategia dell’UE per la regione adriatico-ionica (EUSAIR) e ha invitato tutti gli attori interessati ad attuarla senza indugio, come indicato nelle conclusioni del Consiglio del 29 settembre 2014. La Strategia marittima per il Mar Adriatico e il Mar Ionio, adottata dalla Commissione il 30 novembre 2012, è uno dei componenti di questa più ampia strategia macroregionale per l’Adriatico e lo Ionio, che riguarda anche l’entroterra. Il EUSAIR – come la strategia marittima – interesserà 8 paesi: 4 Stati membri dell’UE (Croazia, Grecia, Italia, Slovenia) e 4 paesi non UE (Albania, Bosnia-Erzegovina, Montenegro, Serbia).

Il Progetto prende le mosse da un dato reale, quello del degrado dell’ambiente marino nell’Adriatico e nello Ionio e della conseguente erosione del suo capitale ecologico; fattori che rischiano, nel medio-lungo termine, di inibire anche la crescita economica e occupazionale generata dalle attività legate a questi due mari. In particolare, il Progetto parte dall’idea di sviluppare una ricognizione delle forme di cooperazione esistenti per la gestione delle risorse marine della regione adriatico-ionica, incentrando l’attenzione su quelle forme di cooperazione che incidono direttamente sullo sviluppo di uno dei quattro “pilastri” definiti nel EUSAIR: “Pilastro n. 3 relativo alla preservazione, protezione e miglioramento della qualità dell’ambiente”.

I risultati che si propone il Progetto contribuiscono alla realizzazione dell’obiettivo generale della Strategia tematica per la protezione e la conservazione dell’ambiente marino (COM(2005)504 def.)  di “promuovere l’uso sostenibile dei mari e la conservazione degli ecosistemi marini”, la cui necessità è dettata dall’importanza economica, sociale e ambientale della dimensione marittima in Europa; in particolare, l’analisi si concentrerà su due settori di grande impatto per la crescita dell’economia europea: lo sfruttamento delle risorse minerarie marine e la bioteconologia blu.

In quest’ottica, l’obiettivo è definire un nuovo modello di governance basato sulla conoscenza: per la prima volta, attraverso il progetto, la scienza avrà un nuovo ruolo, in qualità di partner, nelle procedure decisionali attraverso lo sviluppo di strumenti innovativi per aiutare i policy makers a raggiungere gli obiettivi della strategia marittima per l’Adriatico e lo Ionio.